« Indietro

Esperimento Tumanji: una cena finlandese a Roma



Di Lorenzo Lelli

Immagine: Julia Kivelä / Visit Finland

Cultfinlandia ha intervistato Manuela Mancinelli e Armando Ferrari, ideatori di Esperimento Tumanji, per sapere com'è andata la cena finlandese che hanno organizzato a Roma lo scorso 2 giugno.

Cos'è Esperimento Tumanji ?

Tumanji è un progetto che nasce per soddisfare la nostra voglia di fare un viaggio gastronomico tra le tradizioni culinarie del mondo. Una volta al mese organizziamo una cena che ci porta alla scoperta dei sapori di un paese diverso. La scelta del paese, che è limitata alle sei maggiori nazioni per estensione territoriale di ciascun continente, è affidata a due dadi: il primo per determinare il continente e il secondo per scegliere il paese. Al momento non abbiamo una sede fissa per le nostre cene, che si svolgono a casa nostra o, nel caso in cui riceviamo un invito, a casa di uno dei partecipanti.

Pochi giorni fa avete organizzato una cena finlandese. Cosa sapevate prima di questa tradizione gastronomica?

Quasi nulla, a dire il vero. Ci siamo messi in contatto con l'Ambasciata di Finlandia a Roma che ringraziamo per averci fornito molte indicazioni utili, non solo per quanto riguarda il cibo ma anche in merito ad alcuni aspetti culturali di cui abbiamo parlato con i nostri ospiti durante la cena. Abbiamo inoltre avuto la fortuna di parlare con una signora finlandese, madre di un nostro amico, che ha contribuito a farci scoprire un universo culinario così distante dal nostro. Quello che ci ha sorpreso è stato scoprire quanto la cucina finlandese, così come quella italiana, sia eterogenea a seconda della regione. Sotto questo aspetto la Finlandia è sicuramente un paese che ha molto da offrire.

Cosa avete cucinato ?

Abbiamo voluto far provare ai nostri ospiti diversi piatti tipici finlandesi. Tra gli antipasti abbiamo offerto loro uno sformato di rape rosse (Punajuurisalaatti) e delle patate e uova al burro con riso bianco, il tutto accompagnato da un particolare pane, leggero e senza lievitazione (Rieska). Abbiamo proseguito con una zuppa di salmone e patate (Lohikeitto), con una torta di funghi (Sienipiirakka) e con un pasticcio di carne e pesce racchiuso in un impasto (Kalakukko), che in Finlandia viene mangiato come street food. Infine, come dessert, abbiamo preparato dei dolci tradizionali alla cannella (Korvapuusti).

Kalakukko

Dopo questa esperienza che idea vi siete fatti della cucina finlandese ? C'è un piatto che vi sentite di consigliare ?

Nel complesso sia noi che i nostri ospiti siamo rimasti piacevolmente sorpresi dalla cucina finlandese. Non ci aspettavamo che ci fosse una tradizione gastronomica così ampia e variegata e, sotto questo punto di vista, ci siamo sentiti incredibilmente vicini alla Finlandia. Dovendo consigliare dei piatti finlandesi, possiamo dire che il Punajuurisalaatti e il Kalakukko sono state due belle scoperte. Vi suggeriamo di provarli!

Quale sarà la vostra prossima tappa culinaria ?
La prossima cena è prevista per il 7 Luglio e stavolta andremo alla scoperta dei piatti tipici del Guatemala. Chiunque voglia partecipare può contattarci tramite e-mail all'indirizzo esperimentotumanji@gmail.com o inviando un messaggio alla nostra pagina Facebook.